Sherlock
Marco Porcellato

Marco Porcellato

Preferisci pensare come Sherlock Holmes o come il Dottor Watson?

Sto leggendo un libro che parla della differenza tra il pensiero Holmesiano e il pensiero Watsoniano… e appena l’avrò finito ne farò una bella recensione, così se vorrai approfondire saprai cosa leggere.

Oggi voglio parlarti della differenza tra il loro pensiero, perché Arthur Conan Doyle (creatore del personaggio Sherlock Holmes) ha sviluppato in Sherlock una splendida rappresentazione di quello che può essere il risultato dell’applicazione di un metodo al nostro pensare.

La mente di Sherlock utilizza la parte più nobile del metodo scientifico, per ottenere la soluzione di problemi e l’analisi obiettiva di cose e fatti, con un quadro chiaro delle situazioni. 

Così alla fine viene risolto il caso, dopo avermi tenuto incollato nello sviluppo della storia e (ciliegina sulla torta) avermi spiegato il ragionamento che c’è stato sotto.

Nel personaggio di Sherlock Holmes questa applicazione del metodo porta alla soluzione di casi polizieschi che altrimenti sarebbero stati irrisolti, ma possono essere estratte delle lezioni utili a tutti, per passare da un modo di pensare del Dottor Watson a uno più da Sherlock Holmes.

Qualche Esempio?

Seguimi nei prossimi articoli del BLOG per saperne di più.

Se ti iscrivi agli aggiornamenti sarai tra i primi a riceverli!

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi commenti
    Privacy Policy